Descrizione

In ogni classe ci possono essere degli alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse. Quest’area dello svantaggio scolastico, che comprende problematiche diverse, viene indicata come area dei Bisogni Educativi Speciali (in altri paesi europei: Special Educational Needs). È bene precisare che il Bisogno Educativo Speciale (BES) può essere determinato da fattori permanenti o transitori. Patrizia Trigilio è nata ad Augusta, piccola cittadina in provincia di Siracusa. Vive a Ragusa dove insegna chimica dal 2009. Appassionata al suo lavoro, si è spesso interessata di svariate tematiche attinenti alla sua professione scrivendo testi riguardanti la scuola e la didattica.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I Bisogni educativi Speciali (BES)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *