Promuovere libri con il comunicato stampa

Uno strumento molto utile per promuovere la vendita del proprio libro è il comunicato stampa. È uno strumento ancora molto diffuso che aiuta a comunicare ai mezzi di comunicazione le novità e fare in modo che vengano raccontate dai giornalisti, aumentando così la visibilità del libro che si sta promuovendo.

giornali ammucchiati in modo disordinato con sopra un paio di occhiali

Come scrivere un comunicato stampa

Essendo uno strumento molto diffuso deve essere scritto in modo che crei interesse nelle persone che lo ricevono e che segua determinate “regole” in modo da facilitarne la visione.
Il comunicato stampa deve essere inserito nel corpo della mail e non come allegato. In questo modo viene agevolato il lavoro dei destinatari.
In alto, centrato, occorre scrivere la dicitura “Comunicato stampa”, in modo che sia ben visibile e chiaro il contenuto appena la mail viene aperta.

Titolo

Il titolo deve essere accattivante ma allo stesso tempo deve essere breve (non superare le 80 battute) e contenere le principali informazioni. Attenzione a non scrivere titoli fuorvianti: leggendo il titolo deve essere chiaro l’argomento di cui tratta il comunicato.
Per distinguerlo bene dal testo deve essere scritto in grassetto e con un carattere più grande e in maiuscolo.
Dopo il titolo si devono inserire due righe, definite in gergo catenaccio, che è in pratica un sunto dell’intero comunicato.

Testo

Il testo del comunicato stampa deve essere scritto in maniera concisa e chiara. Per scriverlo in modo che segua un ordine logico deve essere scritto seguendo la regola delle 5 W, ovvero rispondere alle classiche domande: Who? (Chi?); What? (Che cosa?); Where? (Dove?); When? (Quando?); Why? (Perché?).

Nella prima riga occorre inserire il luogo dal quale parte il comunicato e la data, meglio se in neretto.
Il testo deve essere scritto in blocchetti di 4 o 5 righe, con una riga di spazio tra i blocchetti. Le frasi devono essere chiare e brevi, al massimo di 20-25 parole. Cercare quindi di usare il minor numero di parole possibili evitando aggettivi e avverbi superflui. Il carattere non deve essere né troppo grande né troppo piccolo, di norma viene usato il corpo 11 o 12.
Il testo non deve superare le 20/30 righe.
Per renderlo uno strumento professionale deve essere scritto in terza persona.
Per rendere più interessante il comunicato stampa bisogna cercare di trasmettere i vantaggi che avrebbero i lettori nel leggere il vostro libro, perché dovrebbero leggerlo, descrivere il contenuto del libro in modo entusiastico e spiegare che cosa vi ha spinto a scriverlo.
Perché un comunicato stampa risulti scritto bene occorre evitare di essere autocelebrativi e autoreferenziali, di usare superlativi, domande retoriche ed esclamazioni. Evitare anche le ripetizioni, le frasi fatte e i luoghi comuni.
Prima di inviare il comunicato stampa è necessario rileggerlo con la massima attenzione, evitando così di inviare testi con errori e refusi.
È bene inserire alla fine del comunicato una breve biografia dell’autore e soprattutto i contatti  e dove si può acquistare il libro.
Se si allegano la foto dell’autore e l’immagine della copertina porre attenzione che siano in alta risoluzione.

A chi inviare il comunicato stampa

Il comunicato stampa può essere inviato a Tv, radio, giornali, riviste specializzate, associazioni di settore o che sono in tema con l’argomento del vostro libro. È anche utile pubblicarlo nel web: nel vostro sito/blog, nei vostri social e nei siti web che pubblicano i comunicati stampa.

Per migliorare la propria organizzazione è consigliato stilare una lista di contatti, con i relativi indirizzi, a chi inviare il comunicato. Per trovare i contatti si può procedere cercando direttamente nel web, nei siti delle testate giornalistiche o nei portali del mondo editoriale. Si possono cercare contatti, ad esempio, anche nei profili Facebook dei giornalisti oppure si può scegliere di acquistare l’Agenda del giornalista.

Conclusione

Il comunicato stampa è quindi un ulteriore strumento per aumentare le vendite del vostro libro e la vostra visibilità. È bene tenere presente questo strumento soprattutto ogni volta che avete qualcosa di nuovo da comunicare: il lancio di un vostro nuovo libro, la partecipazione a un festival o a una presentazione, la vittoria di un concorso ecc.

 

Fonti:

Maria Vittoria Gatti, L’ufficio stampa in editoria, Editrice Bibliografica, 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.