Descrizione

Infiniti mondi urlai ad un amico/ in una stretta cella/ Infiniti Universi confidai ad un nobile che mi aveva ospitato./ Infiniti Dèi in segreto avevo pregato/ nella memoria del tanto che avevo imparato./ Infinite luci scorgevo la sera/ infinite vie vedevo la mattina./ (2, 1)

Perché fummo tutte le pietre del creato/ ed ogni specie vivente/ perché abbiamo nel cuore e nella mente l’animo di un Dio che non mente./ Perché abbiamo muto negli occhi il suo sorriso/ nelle vene il miracolo di un volo antico./ Fu solo principio di un Dio./ Perché quella bestia che striscia/ è solo antico antenato di un passo di danza/ musica dell’immenso Creato./ Giammai peccato o diavolo tentatore/ solo istinto incastrato fra la gioia e il dolore./ (10,67)

L’autore, dopo la presente opera, è naufrago con il suo amico, in terre dove solo la storia rende chiari i contorni del paesaggio. Discepolo del suo maestro, di lui quanto del suo inseparabile amico si hanno poche e confuse notizie. I pochi che li hanno avvistati, non hanno mai visto oltre la costa dei loro immensi per quanto sperduti possedimenti. (Qualcuno parla di ricchezza, altri sussurrano di anima…).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Frammenti in rima”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *