Descrizione

Dalle psicologie primitive ed il loro rapporto con il mysterium tremendum, la magia ed il pensiero magico ed arcaico ancestrale attualmente rievocato nella psicosi, nei rituali ossessivo-compulsivi e nei disturbi della personalità, alla visione profetica e mistica del Grande Individuo, al significato ed alla rivalutazione della psicologia analitica e delle sue affascinanti teorie sugli archetipi dell’inconscio collettivo, fino agli antichi tantra indù e agli avatar, i discepoli dell’invisibile riflettenti il destino eroico di “salvatori mitici” e soccorritori dell’umanità, il presente libro si rivela essere un riassunto di tematiche contemporanee aventi lo scopo di riflettere il pensiero junghiano e transpersonale re-interpretato attraverso una personale chiave di lettura.
Psiche primordiale narra la storia dell’umanità e del destino con cui essa si scontra da sempre, i suoi demoni, i suoi esorcismi e le sue paure occulte che imperversano come fantasmi nella psiche dell’uomo moderno.
Ma Psiche primordiale è anche la storia di come l’uomo ha temporaneamente desacralizzato la natura di fenomeni spirituali e mistici che stanno ritornando sotto altre spoglie come dei complessi autonomi inconsci, cosiddetti daimons, a perseguitare l’umanità ed a insinuarsi in ordinarie follie e psicosi collettive in un’epoca di frammentazione e di impoverimento psichico.
Da questa dissociazione psichica abbiamo da imparare, e se solo l’individuo sceglierà coraggiosamente la via eroica del  ritorno all’Antico, sarà egli il portatore creativo di una nuova civiltà: colui che riconquistando la propria anima si sarà ricongiunto all’anima mundi degli antichi popoli.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Psiche Primordiale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *