Come creare una trama: una tecnica efficace

La trama è la successione di eventi scelti che seguono una logica di causa ed effetto, organizzati secondo un particolare ordine e struttura. In pratica è l’intreccio dei personaggi, delle loro azioni e degli eventi che si avvicendano nella storia. Creare una trama efficace e coerente è quindi un processo fondamentale, ma allo stesso tempo molto complesso.

Per creare una buona trama possiamo utilizzare la tecnica della struttura mentale della trama. Questa modalità di lavoro può essere veramente utile nella fase ideativa della nostra opera perché è una vera e propria creazione della trama prima di cominciare la scrittura vera e propria. È una fase preparatoria in cui l’autore costruisce una scaletta mentale, lavorando all’idea astratta. Grazie all’utilizzo di concetti astratti è possibile combinare in maniera illimitata i vari elementi. In questo modo è più facile creare la trama migliore per la nostra storia.

L’approccio modulare

Le diverse parti di una storia (incipit, corpo del racconto, conflitto, soluzione del conflitto, finale, costruzione dei personaggi ecc.) possono essere lavorate come moduli. È possibile cominciare il lavoro da qualsiasi elemento. Non fa differenza partire dall’incipit, da un dialogo, dal finale o da una semplice frase. Partendo da un modulo è possibile sviluppare il resto di una storia.

I vari componenti della storia possono essere incastrati in vari modi finché non si trova la soluzione migliore.

Come sviluppare una storia utilizzando questa tecnica

In questa fase di lavorazione della struttura mentale della trama è importante concentrarsi su determinati aspetti:

  • realizzare quali siano le parti con cui cominciare e come sciogliere quelle decisive
  • evitare di impegnarsi sui dettagli, come la composizione corretta delle frasi o la selezione dei vocaboli più adatti
  • avere un progetto preciso che indichi quali siano i passi necessari da sviluppare nella narrazione.

I vantaggi della struttura mentale della trama

L’autore Maurizio Barbarisi nel suo libro “Scrittura creativa, istruzioni per l’uso”, da cui è tratto questo articolo, ci spiega quali sono i vantaggi di questa modalità di lavoro:

  • è possibile lavorare alla trama e al suo sviluppo ovunque ci troviamo, mentre passeggiamo tra le corsie del supermercato oppure alla fermata dell’autobus
  • consente di esaminare il quadro completo e verificabile della storia, permettendo di testare in modo veloce l’evoluzione del lavoro
  • lavorando sulla struttura mentale della trama è più facile rendersi conto dei problemi che si possono verificare, come la presenza di parti artificiose
  • Il lavoro ottenuto utilizzando questo metodo ha il vantaggio di poter essere prodotto o modificato in modo molto rapido
  • consente di comporre e scomporre gli elementi in schemi differenti, con l’opportunità di accrescere il progetto di particolari
  • permette di scrivere liberamente la prima stesura, facendo fluire la creatività per aggiungere alla storia nuove idee e nuovi intrecci
  • è un buon metodo per vincere il blocco dello scrittore. Quando cominciamo a scrivere abbiamo già in mente un’idea chiara dei vari elementi che compongono la storia

Conclusioni

Usare questa modalità di lavoro nella fase di pre-scrittura può essere un valido aiuto per migliorare la produttività e la creatività. Un metodo per sfruttare al meglio il proprio tempo e perfezionare le proprie storie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.