nuvolette fumetti bianchi su tavolo legno

Cosa devi sapere per scrivere dialoghi coinvolgenti

pubblicato in: Passione Scrittura 0

I dialoghi sono una parte molto importante della narrazione. Saper scrivere dialoghi verosimili, interessanti ed efficaci non è semplice. Per riuscirci è fondamentale conoscere quali sono le funzioni principali a cui adempiono e come dare voce ai vari personaggi.

due uccellini sull'acqua

Funzioni dei dialoghi

  • Caratterizzare i personaggi. I dialoghi permettono di rivelare alcuni tratti della personalità dei personaggi, di renderli unici e originali. Dal dialogo deve quindi trasparire il carattere del personaggio, il suo background culturale e la sua condizione sociale.
  • Descrivere luoghi. Attraverso la voce dei personaggi si possono mostrare gli ambienti della storia che state raccontando. In questo modo i luoghi verranno visti dai lettori con maggiore interesse.
  • Far progredire la storia. I dialoghi devono portare avanti la storia, la trama.
  • Modificare il ritmo della storia.
  • Manifestare le motivazioni dei personaggi, ovvero che cos’è che spinge il personaggio a fare quella determinata cosa, a comportarsi in quel particolare modo.
  • Far capire lo stato d’animo del personaggio attraverso le modalità in cui si esprimono, dal tono che usano, ai gesti che compiono… prestando cioè attenzione al come i personaggi parlano e non solo a quello che dicono e alle reazioni che manifestano alle battute degli altri.

La voce dei personaggi

Per scrivere dialoghi interessanti in grado di tenere alta l’attenzione del lettore occorre cercare di diversificare le voci dei personaggi. Ogni personaggio deve avere il suo particolare modo di parlare che deriva dalla sua storia personale, dalla sua cultura, dalle esperienze che ha fatto, dalla famiglia da cui proviene, dal luogo dove vive ecc. Si deve fare in modo che il lettore capisca che solo quel determinato personaggio può parlare in quel modo, usando quell’intercalare, quel particolare gergo o termine tecnico… e che quello che dice in quel momento, in quella situazione, sono le battute più logiche che potrebbe dire quel personaggio. Vanno evitate le frasi fatte, le battute scontate e le reazioni troppo ovvie.  Il modo di parlare che caratterizza quel particolare personaggio deve essere costante per tutta la narrazione, solo così il lettore riesce a distinguerlo e a riconoscerlo.
Un errore da non fare è quello di far parlare l’autore attraverso il personaggio. Per questo è importante, per lo scrittore, riuscire a entrare nei panni del personaggio.

Conclusione

Se volete migliorare il vostro modo di scrivere dialoghi può essere utile ascoltare le conversazioni reali. Occorre però tenere presente che un dialogo non è la registrazione esatta di una conversazione: deve essere verosimile ma allo stesso tempo diverso da quello della vita reale. Può servire per prendere spunto su alcune sfumature del modo di parlare. Un buon dialogo deve sembrare spontaneo e avere ritmo.

 

Fonti:

Marco P. Massai, “I dialoghi”, Delosdigital, 2014.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.