Rosmunda, il nuovo romanzo di Alfonso Citterio

pubblicato in: Interviste 0

Stefano Aicardi ha intervistato il nostro autore Alfonso Citterio, ormai giunto al suo quinto titolo pubblicato con & MyBook: Rosmunda.

 

 

Buongiorno Alfonso, qual è lo spunto che l’ha portata a lavorare su questa “autobiografia famigliare”? Quanto c’è di autentico e quanto invece di fiction nel suo racconto?

Era da tempo che pensavo di far rivivere alcuni personaggi a me familiarmente vicini attraverso fatti reali che li avevano accompagnati in un periodo storico come quello della seconda guerra mondiale.

Le vicende che hanno condizionato la quotidianità dei personaggi nel bene e nel male sono nella sostanza tutte veritiere anche se ovviamente presentano anche particolari romanzati, mentre l’accenno a episodi e avvenimenti storici è rigorosamente accertato, non solo con documentazione ufficiale, ma spesso anche attraverso testimonianze e scritti che ho avuto la fortuna di raccogliere da alcuni dei protagonisti.

Qual è il personaggio del libro a cui lei si sente più vicino?

Fin dalla mia prima infanzia questi ricordi mi hanno accompagnato stimolando la curiosità e la fantasia sorta durante le serate passate accanto al fuoco del camino con nonni e zii che rievocavano i trascorsi di quel periodo buio e complicato dei primi anni quaranta. Così ho imparato ad apprezzare le scelte, a volte anche sconvenienti, operate da genitori e parenti per sopravvivere a tante situazioni difficili.

E sopra a tutti l’avventurosa vita della zia Rosmunda è rimasta un totem al quale non ho potuto sottrarmi e che con affetto ho voluto condividere con i miei lettori.

Uno dei temi che ricorrono più spesso in Rosmunda è quello della lotta contro il destino, che in un interessante passaggio lei definisce “ottuso e inarrestabile”. Secondo lei la volontà di vivere e la ricerca della felicità che caratterizzano Rosmunda e molti altri personaggi del libro possono essere una giustificazione “superiore” per scelte che eticamente risultano magari discutibili?

Le scelte di vita di Rosmunda, come di altri interpreti del racconto, sono certamente correlate alle contraddizioni del periodo storico e sono sempre state determinate, al di là di una immediata ricerca di risolvere le problematiche del momento, anche dallo spirito di servizio e riconoscenza verso amici, conoscenti e famigliari, seguendo sempre l’istinto e l’impulso di un profondo senso di giustizia e di amore per il prossimo e per la vita.

Quali sono i suoi progetti futuri? Ci sono nuovi libri in cantiere?

Uno dei progetti futuri che mi sprona a metter mano a una nuova pubblicazione è la volontà di dar vita a altre peripezie della giovane coppia Tina e Will, i protagonisti de “I segreti dell’eremo” in un nuovo racconto avventuroso e romantico ambientato in alcuni intriganti luoghi della nostra cara Europa.

 

Per saperne di più:

Rosmunda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.