Promuovere libri con Instagram

Gli utenti italiani di Instagram sono più di 28 milioni e tra questi tantissimi sono amanti dei libri e in cerca di consigli di lettura. Promuovere libri con Instagram è quindi un modo efficace per uno scrittore che voglia aumentare le vendite e il proprio pubblico.
È necessario quindi che anche uno scrittore conosca bene questo social e ne sfrutti al meglio le sue potenzialità.

Come scrivere la biografia

Per promuovere libri con Instagram in modo efficace bisogna partire dalla biografia. La biografia è infatti il nostro biglietto da visita. Per questo occorre dedicarvi l’attenzione necessaria perché sia compilata in modo da attirare l’attenzione degli utenti. Questa, infatti, insieme alla foto del profilo, aiuta a stimolare l’utente a seguirci.
La descrizione della biografia deve essere al massimo di 150 battute spazi compresi. La sintesi diventa quindi fondamentale per rendere questo contenuto accattivante e incisivo che deve contenere tutte le informazioni necessarie per far capire agli utenti chi siamo.
Nella biografia deve essere scritto quello che si fa, il proprio indirizzo e-mail, l’URL del proprio sito o blog, l’hashtag che identifica il proprio brand. Volendo, per renderla più invitante si possono inserire anche alcuni emoji.

Creare post interessanti

La caratteristica principale di questo social è che è prevalentemente improntato sulle immagini. È quindi fondamentale la scelta delle foto che devono essere originali, trasmettere un impatto emotivo e attirare l’attenzione. Diventa così fondamentale curarne la resa, i colori, il formato e scegliere se e quali filtri usare.
Le foto dovrebbero essere scattate ad hoc e raccontare quello che gira intorno al libro, dalla copertina all’autore, dal processo di scrittura alle immagini dei luoghi raccontati nella storia. Possono essere pubblicate foto con le anteprime dei libri o immagini di appunti per una nuova storia che si sta scrivendo. Molti lettori sono interessati a conoscere anche l’autore, per questo possono essere interessanti foto di eventi a cui lo scrittore ha partecipato, librerie che ha visitato, i suoi gusti letterari e quello che lo ispira.

Anche se è un social incentrato prevalentemente sulle immagini è basilare prestare attenzione a come scrivere le didascalie che devono essere interessanti, esaustive, attirare l’attenzione e coinvolgere l’utente. Per questo è meglio inserire anche domande, richieste di compiere una determinata azione o di scrivere le proprie opinioni.
Nelle didascalie, dopo il contenuto, è possibile inserire gli hashtag che sono etichette fondamentali per mettere in evidenza i contenuti ed essere notati dagli altri utenti del social. Gli hashtag possono quindi essere creati appositamente, per esempio con il titolo del proprio libro, oppure si possono inserire quelli più popolari che attraggono maggiormente il pubblico di lettori.
Il social permette di inserire fino a 30 hashtag per post.
L’home page deve risultare esteticamente piacevole quindi i vari post dovrebbero avere delle somiglianze, come per esempio combinazioni di colori coerenti, oppure lo stesso filtro. I vari post devono quindi contribuire a dare una visione coerente del profilo evitando assolutamente di apparire come un “miscuglio” di immagini sconnesse tra loro.

Conclusione

Non è facile pubblicare post efficaci, con la giusta foto, la migliore grafica, un testo incisivo e attraente, gli hashtag più funzionali. Ma seguendo alcuni accorgimenti, osservando altri profili simili e impegnandosi con costanza è possibile riuscire a promuovere in modo efficace il proprio libro anche con questo social

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.