libro aperto a metà su sfondo ocra

Com’è fatto un libro: la struttura interna

pubblicato in: Passione Lettura 0

Un libro è composto da una serie di fogli stampati, rilegati insieme e contenuti dalla copertina. La struttura interna del libro, oltre al testo vero e proprio, comprende alcuni elementi che lo completano e che fanno parte del cosiddetto paratesto.

denominazione parti che compongono la struttura interna del libro

Ecco gli elementi che sono presenti solitamente nella struttura interna del libro:

Occhiello

Di solito si trova in una pagina prima del frontespizio e riporta solo il titolo del libro.

Frontespizio

Questa pagina è inserita all’inizio dell’opera e contiene diverse informazioni: il titolo completo, l’autore, l’editore e il luogo di pubblicazione.

Colophon

Nel colophon, che di solito segue il frontespizio, vengono indicati l’autore, il titolo, l’editore, il luogo e la data di stampa, il traduttore, il curatore editoriale ecc. Può essere diviso in due con le indicazioni dello stampatore, la data e il luogo di edizione poste in fondo al libro.

Epigrafe

Generalmente inserita nella parte iniziale del libro, dopo il frontespizio, è una citazione. L’epigrafe è destinata al lettore e può avere una funzione di intermediazione del significato del libro oppure può essere solo decorativa.

Dedica

Inserita di solito nella pagina bianca dopo il frontespizio, contiene una breve frase per omaggiare una persona. Può essere di carattere pubblico quando rivolta a persone riconoscibili, come per esempio grandi scrittori, intellettuali, studiosi di scienze ecc. Oppure rappresentare un rapporto privato quando rivolta a familiari o amici.

Prefazione

Posta nelle pagine iniziali del libro fornisce informazioni utili alla presentazione dell’opera. Può spiegare come deve essere letto il libro, perché leggerlo, raccontare il tema centrale, indicare com’è nata l’opera, perché è stato scelto quel determinato argomento. Questa parte può cambiare nel corso delle diverse edizioni del libro.

Introduzione

Ha la funzione di spiegare la struttura del testo e i temi che vengono trattati. Può essere scritta dall’autore o da un curatore, e dovrebbe rimanere sempre uguale anche nel corso di diverse edizioni. È una presentazione dell’opera ai lettori.

Postfazione

La si può trovare alla fine del libro, a commento del testo, scritta dall’autore o dal curatore.

Ringraziamenti

Si possono trovare nel retrofrontespizio o alla fine del testo e riportano i ringraziamenti alle persone e/o alle istituzioni che hanno contribuito, sia come supporto morale sia in modo materiale, alla scrittura del testo.

Indici

È costituito dall’elenco delle varie parti del libro corredate dal numero di pagina in cui sono collocate. In un libro possono essere presenti diversi tipi di indici, come per esempio l’indice analitico, dei nomi, delle illustrazioni ecc.

Note

Le note possono contenere riferimenti bibliografici, approfondimenti, integrazioni, ulteriori spiegazioni del testo. Servono quindi anche a non appesantire troppo il testo. Si possono trovare a piè di pagina, alla fine di ogni capitolo o alla fine del libro. Sono collegate con il testo grazie a un numero, progressivo per capitolo o per l’intera opera, che corrisponde al numero della nota stessa. Solitamente sono scritte in un carattere di formato inferiore a quello del testo.

Bibliografia

È la raccolta dei testi che sono stati citati nel corso dell’opera o che sono stati consultati per la stesura del libro. Solitamente è presente nei saggi e può essere d’aiuto al lettore per approfondire gli argomenti trattati.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.