Creare una call to action persuasiva

Curare tutti i particolari della propria promozione online è fondamentale per far sì che risulti efficace per la vendita del nostro libro. Ci sono infatti contenuti che anche se composti da poche parole sono fondamentali soprattutto per convertire gli utenti in lettori/clienti. Le call to action (definite spesso CTA) sono degli inviti diretti agli utenti del sito, ai destinatari di e-mail o ai follower dei social a compiere un’azione che può essere quella di acquistare, di lasciare un commento, di fare un download ecc.
Ma come deve essere una call to action che ci aiuti a raggiungere gli obiettivi del nostro piano marketing?

tasto computer colorato di rosso con la scritta Action now!

Come deve essere la copy della call to action

La copy deve essere chiara e concisa. Deve essere intuibile cosa succederà una volta che si clicca sopra. Per questo è bene che sia un verbo in forma imperativa. Non deve sembrare un vero e proprio comando, ma un’esortazione a compiere quella determinata azione. Azione che soddisfa un bisogno dell’utente e che produrrà dei vantaggi. Per questo sia il bisogno sia i vantaggi devono essere esplicitati.
Per far sì che l’utente sia attratto dalla call to action è quindi necessario essere creativi e non accontentarsi delle solite e generiche frasi standard, come per esempio iscriviti, scarica il download. Meglio se le parole o la frase della nostra CTA sono in sintonia con il tono di voce che usiamo abitualmente per comunicare online.
Il testo deve essere anche coinvolgente, attrarre l’attenzione di chi sta leggendo e invogliarlo a cliccarci sopra. Non deve lasciare spazio a dubbi su quello che succederà una volta cliccato sul bottone.
È anche efficacie inserire il tempo, per esempio se tratta di una promozione. Dando il senso dell’urgenza sarà più facile che l’utente ci clicchi sopra per non perdersi l’occasione.
Deve essere seguita da un’azione immediata. Se per esempio la call to action mi indirizza a un form per iscrivermi a una newsletter mi deve arrivare nell’immediato una mail di conferma dell’avvenuta iscrizione.

Come deve essere la grafica della call to action

Di solito le CTA sono scritte su elementi grafici che somigliano a bottoni. Questo aiuta l’utente a individuarla subito e ad attirare la sua attenzione. Per questo occorre curare anche la grafica, devono sembrare dei bottoni da premere. Meglio quindi se, attraverso un gioco di ombre, sembrino anche bombati.
Anche la scelta del colore è importante: deve essere in contrasto con i colori dello sfondo della pagina in cui è inserita e anche del font.
La grafica del pulsante deve essere accattivante in modo da stimolare l’utente a cliccarci sopra.

Conclusione

La call to action è quindi uno strumento molto utile per riuscire a fare una promozione efficace del nostro libro. Creare la copy, la grafica e scegliere in modo preciso dove posizionarla sono attività da curare nei minimi particolari perché sono fondamentali per far sì che gli utenti non si fermino solo alla semplice lettura dei nostri contenuti, ma si trasformino in acquirenti dei nostri libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.